Showing 8 Result(s)
Articoli Report

Nasce UNAVI

Mercoledì 5 luglio 2017 alle  12.30 in Sala Nassirya presso il Senato della Repubblica in Piazza Madama, Roma

Conferenza stampa di presentazione di UNAVI (Unione nazionale vittime)

UNAVI è un’associazione che si batte per la tutela delle vittime di reati violenti intenzionali e riunisce i parenti di coloro i quali hanno subito violenza. Si tratta di un gruppo di persone che chiede giustizia e non cerca vendetta.
La necessità di fondare l’associazione nasce dalla presa d’atto di una situazione evidente: in Italia vengono tutelati i diritti di chi commette un reato e sono dimenticati i diritti chi lo subisce.
In particolare, l’U.NA.VI. si batte per la revisione del rito abbreviato nel procedimento penale per quanto attiene i reati di tentato omicidio e omicidio. Nel nostro Paese, infatti, il giudizio abbreviato è un procedimento penale speciale, previsto dagli articoli 438 e seguenti del Codice di procedura penale, che comporta, per il reo, nell’eventuale sentenza di condanna, che la pena irrogata sia ridotta in concreto di un terzo. E che la pena venga ridotta a trent’anni di reclusione, senza isolamento diurno, nell’ipotesi di condanna all’ergastolo.

(altro…)

Giovà, svegliati! di Giorgia Tabbita
Articoli Report

“Pà, spegni la luce, per favore” di Giorgia Tabbita

Una notizia in questi giorni ha imperversato sui social #mortedignitosa #totoriina.                                  

In nome del diritto ad una ‘morte dignitosa’, la prima sezione penale della Corte di cassazione, con la sentenza 27766 di oggi, ha annullato l’ordinanza con la quale il tribunale di sorveglianza di Bologna (il 20 maggio del 2016) aveva rigettato la richiesta di differimento dell’esecuzione della pena o, in subordine, di detenzione domiciliare presentata da Salvatore Riina a causa delle gravissime condizioni di salute del boss di Cosa nostra. Il tribunale, in sede di rinvio, dovrà dunque condurre il nuovo esame attenendosi ai criteri fissati dalla Suprema corte.

Non è mia intenzione in questo luogo dire cosa è giusto o sbagliato, per me,  condivido invece  il dialogo immaginato e scritto da mia figlia (Giorgia  Tabbita– ndr ) , post che su fb  ha riscosso più di 125.000 likes ( fino ad ora) e circa 15.000 commenti diventando un vero e proprio post virale ( non sono mancate le appropriazioni indebite!).

(altro…)